martedì 30 aprile 2019

AL VIA LA MOSTRA "LE BATTAGLIE DELL'ISONZO" A MONFALCONE FINO AL 12 MAGGIO

GENTILE

Abbiamo il piacere di invitare la S.V. all'inaugurazione
GIOVEDì 2 MAGGIO ALLE ORE 18.00
al Palazzetto Veneto di Via Sant’Ambrogio 12 di Monfalcone
della mostra “ISONZO LE DODICI BATTAGLIE”
promossa dal Gruppo Ermada Flavio Vidonis
con il patrocinio del Comune di Monfalcone 
nell’ambito del Progetto DUINO&BOOK&ART 
sostenuto dalla Regione Autonoma FVG.


Rsvp 3488704157

L'INAGURAZIONE


Sarà inaugurata giovedì 2 maggio alle ore 18.00 (visitabile fino a domenica 12 maggio) al Palazzetto Veneto di Via Sant’Ambrogio 12 di Monfalcone la mostra “ISONZO LE DODICI BATTAGLIE” promossa dal Gruppo Ermada Flavio Vidonis con il patrocinio del Comune di Monfalcone nell’ambito del Progetto DUINO&BOOK&ART sostenuto dalla Regione Autonoma FVG. La Mostra che ha già riscosso una grandissima attenzione da parte delle Scuole, dei visitatori che hanno potuto conoscere la cronologia delle battaglie nelle varie tappe in giro per l’Europa.




La mostra è composta da oltre sessantina  pannelli espositivi che ripercorrono le battaglie che avvennero sul fronte dell’Isonzo e descrivono il territorio teatro degli eventi che si susseguirono dal 1915 al 1917”, tale cronologia è stata realizzata avvalendosi del contributo di Stefano Gambarotto, presidente dell’Istituto del Risorgimento di Treviso ed è corredata da immagini d’epoca riconducibili agli eventi descritti, messi a disposizione dallo stesso Istituto e da numerosi cultori della materia. In occasione del centenario della Grande Guerra la mostra ripercorre, con fotografie e testi, gli eventi legati alle offensive che tra il 1915 e il 1917 l’Italia sferrò lungo il fronte segnato dal fiume Isonzo nel tentativo di piegare le difese austro-ungariche, sino alla dodicesima battaglia, meglio conosciuta come la tragedia di Caporetto. Dal settembre del 2015 La mostra ha toccato diverse città: Duino (Castello), Bologna (Museo del Risorgimento), Grado (Casa della Musica), Farra d’Isonzo (Municipio), Szombathely (Università), Mantova Capitale Italiana della Cultura (Palazzo Maria delle Vittorie),  San Pietro al Natisone e Palazzo Belgrado Antonini sede della Provincia di Udine; Palazzo Tadea a Spilimbergo, TriesteAirport di Ronchi dei Legionari per oltre 60.000 i visitatori. All’interno della Sala quattro vetrine con riproduzioni di divise ed elmetti, materiale ritrovato sull’Ermda ed un diorama delle Battaglie dell’Isonzo in scala 1: 80.000 realizzato dal compianto Pasquale Durante e da Aureliano Barnaba. Tutte le attività previste nel Progetto “Voci di Guerra in Tempo di Pace Duino&book&Art, hanno una precisa e fondamentale finalità: quella di accrescere la cultura della pace e della convivenza attraverso il ricordo dei fatti accaduti nel passato e la memoria di tutte le vittime militari e civili di ogni schieramento e nazionalità.
La raccolta di testimonianze storiche, attraverso il supporto di importanti e prestigiose realtà, quali per esempio il Museo del Risorgimento di Bologna e l’Istituto per la storia del Risorgimento Italiano di Treviso, detentori di documenti e memorie storiche, hanno permesso al Gruppo Ermada Flavio Vidonis l’allestimento di mostre storico-didattiche che indurranno i visitatori a momenti di riflessione importanti, su fatti che non devono ripetersi. Ciò potrà infondere loro un ruolo di responsabilità civile da tramandare alle nuove generazioni. L’iniziativa rientra nel Progetto “VOCI DI GUERRA IN TEMPO DI PACE, DUINO&BOOK&ART” coordinato dal Gruppo Ermada Flavio Vidonis di Duino Aurisina, sostenuto dalla Regione Autonoma Fvg a vede la compartecipazione di numerose entità (Comuni, Entità Museali ed Associazioni) regionali, nazionali ed internazionali. Una sezione dedicata agli "ARTISTI DI GUERRA IN TEMPO DI PACE" coordinata dal Gruppo Ajser 2000 a rappresentare gli artisti del Friuli Venezia Giulia vi sarà Michele Angelicchio - l'Artista Soldato con opere dedicate al primo conflitto mondiale.
Le sale espositive del Palazzetto Veneto hanno già ospitato nel 2013 la prima mostra “VOCI DI GUERRA IN TEMPO DIPACE”.  Il Gruppo Ermada Flavio Vidonis ha promosso lo scorso Weekend a Borgo Hermada a Terracina (LT) un estratto della mostra dedicato al mondo delle Grotte della Grande Guerra, pannelli espositivi dedicati ai luoghi della Grande Guerra sul Carso, mostra che è stata visitata da oltre 5.000 persone nell’ambito dell’iniziativa LA PEDAGALONGA, una passeggiata tra i borghi dell’AgroPontino.

info 3488704157  

la mostra è in contemporanea con l'esposizione al Castello di Duino (Voci di Guerra in tempo di Guerra) 






martedì 16 ottobre 2018

AL VIA LA MOSTRA "ISONZO LE DODICI BATTAGLIE" AL MUSEO DI GUERRA PER LA PACE A TRIESTE


La mostra dal titolo "ISONZO LE DODICIBATTAGLIE", che ha toccato importanti città italiane ed europee è curata dal Gruppo Ermada Flavio Vidonis di Duino Aurisina Nei pannelli espositivi troviamo una presentazione del territorio teatro degli eventi e un’attenta cronologia delle battaglie dell'Isonzo che è stata sviluppata grazie al contributo del Dr. Stefano Gambarotto Presidente dell’Istituto del Risorgimento di Treviso, corredata da immagini d’epoca riconducibili agli eventi descritti, messi a disposizione dallo stesso Istituto e da numerosi cultori della materia. In occasione del centenario della Grande Guerra la mostra ripercorre, con fotografie e testi, gli eventi legati alle offensive che tra il 1915 e il 1917 l'Italia sferrò lungo il fronte segnato dal fiume Isonzo nel tentativo di piegare le difese austro-ungariche, sino alla dodicesima battaglia, meglio conosciuta come la tragedia di Caporetto.
L'esposizione è arricchita da tre diorami in scala realizzato da Aureliano Barnaba e Pasquale Durante raffiguranti l'Area dell'Ermada, l'Area delle prime undici battaglie, e la riproduzione dell'area dello Skoda a Ceroglie.
Oggi, a distanza di cento anni, in "tempo di pace", è importante non perdere la memoria della sofferenza di tutti quei soldati dell'una e dell'altra parte che, dopo avere abbandonato le famiglie e gli affetti, si trovarono a vivere e morire in condizioni oggi difficilmente concepibili. Mostre come questa costituiscono un'occasione per riascoltare queste “voci” del passato e percepirne il messaggio, per noi e per le generazioni future. In quest'ottica è significativo che il progetto e la mostra nascano in una "terra di frontiera" come il Friuli Venezia Giulia e siano realizzati grazie al contributo di una rete di realtà diverse. Vogliamo essere parte attiva in questo processo di integrazione tra differenti realtà e culture, contribuendo a consolidare e a infondere in tutti, in particolare nei giovani, l’importante concetto che tutti siamo cittadini d’Europa.
La mostra è inserita nel Duino&book il 5° Festival del libro dellaGrande Guerra. In occasione dei cent’anni della fine del primo conflitto mondiale torna il Festival del Libro della Grande Guerra, una quinta edizione itinerante tra alcune delle Città del Friuli Venezia Giulia, scenario del tragico conflitto mondiale.

Un programma che in quasi due mesi di iniziative vedrà la presentazione libri, filmati, conferenze, escursioni, mostre e tavole rotonde dedicate alle vicende della Grande Guerra che hanno coinvolto pesantemente i territori oggi Friuli Venezia Giulia. Grazie a una consolidata rete di realtà nazionali e internazionali che hanno in questi cinque anni collaborato con il Gruppo Ermada Flavio Vidonis, l’edizione 2018 del Festival si arricchirà di presenze e ospiti che attraverso la loro esperienza e conoscenza racconteranno le vicende del Primo Conflitto Mondiale.

LA MOSTRA AL MUSEO HENRIQUEZ 
IL PROGRAMMA DEL FESTIVAL 
IL FESTIVAL ON LINE 



giovedì 3 maggio 2018

ISONZO LE DODICI BATTAGLIE AL TRIESTE AIRPORT

 La S.V. è invitata all'inaugurazione della mostra

“ISONZO LE DODICI BATTAGLIE”
Venerdì 4 maggio 2018 alle ore 18.00
 Sala Furio Lauri Trieste Airport



La mostra resterà aperta fino al 3 giugno









In allegato locandina


 Comunicato stampa
Sara' l'Aereoporto del Friuli Venezia Giulia ad ospitare da venerdì 4 maggio alle ore 18.00  la nuova tappa della mostra Isonzo le dodici battaglie, grazie alla preziosa disponibilita' dei vertici dell'Aeroporto di Ronchi dei Legionari. La mostra è inserita nel progetto B#side war - Story tellers - special edition “ sostenuta dalla REGIONE FVG che vede capofila l’ASSOCIAZIONE IODeposito con partner la Proloco Fogliano Redipuglia e l’Ajser 2000, nonché la collaborazione del Gruppo Ermada Flavio Vidonis. http://www.bsidewar.org/it/programma/



La mostra “ISONZO LE DODICI BATTAGLIE” vedrà il suo sviluppo negli 60 pannelli espositivi dove troviamo una presentazione del territorio teatro degli eventi ed un’ attenta cronologia delle battaglie dell'Isonzo che è stata sviluppata grazie al contributo del dr. Stefano Gambarotto Presidente dell’Istituto del Risorgimento di Treviso, corredata da immagini d’epoca riconducibili agli eventi descritti, messi a disposizione dallo stesso Istituto e da numerosi cultori della materia. In occasione del centenario della Grande Guerra la mostra ripercorre, con fotografie e testi, gli eventi legati alle offensive che tra il 1915 e il 1917 l'Italia sferrò lungo il fronte segnato dal fiume Isonzo nel tentativo di piegare le difese austro-ungariche, sino alla dodicesima battaglia, meglio conosciuta come la tragedia di Caporetto. 
Info 3488704157 


La mostra è in contemporanea con la mostra VOCI DI GUERRA IN TEMPO DI PACE promossa dal Gruppo Ermada Flavio Vidonis al Castello di Duino fino al 7 luglio. (www.castellodiduino.it)


Oggi, a distanza di cento anni, in "tempo di pace", è importante non perdere la memoria della sofferenza di tutti quei soldati dell'una e dell'altra parte che, dopo avere abbandonato le famiglie e gli affetti, si trovarono a vivere e morire in condizioni oggi difficilmente concepibili. Mostre come questa costituiscono un'occasione per riascoltare queste “voci” del passato e percepirne il messaggio, per noi e per le generazioni future. In quest'ottica è significativo che il progetto e la mostra nascano in una "terra di frontiera" come il Friuli Venezia Giulia e siano realizzati grazie al contributo di una rete di realtà diverse. Vogliamo essere parte attiva in questo processo di integrazione tra differenti realtà e culture, contribuendo a consolidare e ad infondere in tutti, in particolare nei giovani, l’importante concetto che tutti siamo cittadini d’Europa.